Tu non resterai bambino!

La paura di restare bambino lo spinge in avanti e la paura di andare in avanti – e quindi crescere – lo spinge indietro.

La condotta sociale dell’adolescente può essere estremamente provocatoria e mettere a durissima prova una famiglia e una comunità sociale: questo perché l’adolescenza è una fase critica, in cui la personalità subisce una profonda trasformazione, vi è una fondamentale modificazione dell’equilibrio, caratterizzato da tendenze simultanee sia alla disorganizzazione che alla riorganizzazione emotiva. Da questa antitesi emerge la struttura permanente della personalità adulta.

Durante il periodo adolescenziale eventuali fasi precedenti caratterizzate da tensioni psichiche vengono riattivate, le debolezze latenti vengono alla luce e da questi tipici meccanismi emergono le più svariate manifestazioni del cambiamento adolescenziale: insicurezza, instabilità degli stati d’animo e delle azioni, egocentrismo, pulsioni sessuali, esibizionismo, una immagine di sé in trasformazione, disorientamento emotivo, difficoltà nei rapporti con il proprio corpo, preoccupazioni per il proprio aspetto fisico e la propria salute, timidezza e paura di esporsi, timore dell’insuccesso, sete di indipendenza, ribellione, aspirazione ad essere grande in qualche campo. Inoltre mentre nella cerchia familiare l’adolescente si ribella, fuori dalla famiglia prevale il bisogno di confondersi alle abitudini del gruppo.

Quali sono gli atteggiamenti che i genitori devono evitare per consolidare l’individualità del proprio figlio adolescente?

È necessario escludere:

1) l’instabilità emozionale degli adulti, che per l’adolescente costituisce una continua minaccia al suo già precario senso di sicurezza;

2) modelli confusi, ciecamente aggressivi e ciecamente dubbiosi che provocano nell’adolescente confusione o panico.

Non solo i genitori devono essere modelli pregnanti di continuità e coerenza comportamentale, ma anche le istituzioni scolastiche e sociali devono esserlo. Qui sono deleteri stili inadeguati quali:

1) modelli miseri, tra il grottesco e primitivo, privi di una coscienza etica, indifferenti alla guerra, alla distruzione della vita e dei beni su scala smisurata, freddi davanti alla sofferenza e alla mutilazione di altri esseri umani, che nell’adolescente provocano autentiche crisi di abbandono.

2) realtà in cui i codici sono di sfrenata aggressività competitiva e in cui prevale solo il successo freddo e disincarnato, i cui effetti sulla psiche adolescenziale determinano grande disorientamento emotivo, poiché gran parte degli stili educativi indottrina l’adolescente stesso, fin da bambino, a cooperare e a condividere le sue cose con gli altri.

In un ambiente familiare o socioculturale che è in continuo cambiamento, instabile e imprevedibile, l’adolescente avverte un senso di pericolo e di questo pericolo coglie in maniera tragica l’aspetto indefinito.

La lotta personale per una identità stabile nell’adolescente può essere garantita solo da una famiglia con una identità stabile, cioè con emozione e comportamento stabili, e da una società i cui modelli rappresentano ideali e coscienza autentici.

Giorno dopo giorno l’adolescente deve ricavare dalla vita, dalla gente e dalla sua esperienza ciò che egli avverte mancargli, in modo da poter salire ancora un po’ sulla scala della superiorità e avvicinarsi, agli occhi propri e degli altri, ancora di un gradino all’immagine ideale di sé stesso.

4 commenti


  1. Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function ereg() in /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/functions.php:279 Stack trace: #0 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/comments.php(35): sandbox_commenter_link() #1 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-includes/comment-template.php(1532): require('/home/mhd-01/ww...') #2 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/single.php(53): comments_template() #3 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-includes/template-loader.php(106): include('/home/mhd-01/ww...') #4 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-blog-header.php(19): require_once('/home/mhd-01/ww...') #5 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/index.php(17): require('/home/mhd-01/ww...') #6 {main} thrown in /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/functions.php on line 279