Il bambino picchiato

Usare violenza sul bambino o picchiarlo, equivale sempre e comunque ad abusare di lui. Le conseguenze di questo atto sono gravi e si protraggono per tutta la vita.

Il corpo del bambino conserva dentro di sé l’esperienza dell’aggressività subita, aggressività che l’individuo adulto rivolgerà contro altri individui, e forse principalmente verso i suoi propri figli.

Comunque un bambino picchiato può anche rivolgere l’aggressività che ha ricevuto contro se stesso, sprofondando in crisi depressive, cercando disperatamente aiuto nella droga, ammalandosi gravemente, e in ultimo cercando la liberazione del corpo tramite il suicidio. In ogni caso la crudeltà subita da piccoli annienta il compito biologico che il corpo ha di preservare la vita, ostacolandone il funzionamento.

Nel vissuto dell’adulto picchiato da piccolo prevale la paura e la ricerca ostentata di un amore protettivo e sicuro per tutta la vita: questo perché il cosiddetto amore che il bambino maltrattato ha provato nei confronti dei genitori non è stato un vero amore, ma un legame gravato di aspettative e illusioni, un insieme di legami distruttivi, in cui neanche una auspicabile richiesta di perdono (che spesso non appartiene a genitori violenti) consente alle ferite di rimarginarsi e tanto più di guarire.

È fondamentale capire che chiedere perdono non comporta automaticamente la guarigione dell’offeso e che i genitori che fingono nei sentimenti non possono sentire improvvisamente un bisogno di sincerità o vivere valori come integrità, consapevolezza o responsabilità: per essi è difficile spezzare la coazione a ripetere il comportamento aggressivo, così come liberarsi dal cappio della morale tradizionale, grazie alla quale hanno intrappolato i figli tramite la violenza.

Il bambino picchiato, così come il bambino violentato, vive anche in età adulta la paura del castigo, specie quando, percependo i propri sentimenti di rifiuto che vorrebbe tradurre in parole verso i suoi genitori, continua a sentirsi minacciato dagli stessi i quali si mostrano ancora più aggressivi verso di lui quando esprime una verità mai detta: “Siete genitori del male!“.

La sofferenza provata nell’infanzia può altresì confluire nello sbilanciamento da una parte nell’obbedienza cieca ad una religione, dall’altra in cinismo, ironia, e varie forme di estraneazione da sé, spesso mascherate da tratti filosofici e sociali. Il tratto della violenza infantile è abitualmente messo a tacere con l’aiuto di droghe, sigarette e farmaci: alla fine però inesorabilmente il corpo si ribella, perché, nettamente più veloce della ragione (che si attarda grazie al Falso Sé), esprime la parte autentica del Vero Sé che può tradurre o una infinita solitudine, nel soffocamento di espressioni spontanee e creative, o un amore autentico, ma solo e soltanto in presenza di una incondizionata separazione dai genitori-carnefici.

67 commenti


  1. Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function ereg() in /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/functions.php:279 Stack trace: #0 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/comments.php(35): sandbox_commenter_link() #1 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-includes/comment-template.php(1532): require('/home/mhd-01/ww...') #2 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/single.php(53): comments_template() #3 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-includes/template-loader.php(106): include('/home/mhd-01/ww...') #4 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-blog-header.php(19): require_once('/home/mhd-01/ww...') #5 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/index.php(17): require('/home/mhd-01/ww...') #6 {main} thrown in /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/functions.php on line 279