Chi crede ancora alle fiabe?

Forse l’opinione pubblica, che ricorre a processi di negazione, superando in assurdità quello a cui si assisteva vent’anni fa su problemi quali la droga, la delinquenza minorile, la malattia psichica, ossia, tutte quelle situazioni in cui viene meno il controllo del comportamento nei bambini e negli adolescenti.

Prendiamo uno dei delitti più impressionanti, per esempio quello in cui un adolescente uccide suo padre o sua madre senza la minima pietà per la sua vittima e studiamo la reazione dell’opinione pubblica di fronte a un delitto del genere.

Troveremo la solita oscillazione tra due estremi.

Da un lato ci sarà il lettore indignato che spera che l’assassino venga subito catturato e messo al sicuro in modo da non poter più nuocere, ripeterà con le solite frasi standard che la scuola deve insegnare a leggere, a scrivere e a far di conto, invece di lasciare che i giovani siano viziati da stravaganze esotiche come circoli creativi, gruppi di discussione o altro. E con questo il problema sarebbe risolto.

Dall’altro lato ci sarà il lettore sentimentale che versa lacrime calde sulla storia del delinquente, perché, dopotutto, di chi è la colpa se non dei genitori o della istituzione. È di solito la persona che propone più campi di calcetto nei ghetti urbani, o trova una facile soluzione mettendo i genitori dei ragazzi delinquenti in prigione.

Nelle due visioni c’è uno spettacolo desolante: o si fa i “duri”, appellandosi alle più inutili difese contro la vergogna e il senso di colpa, o si fa i “mollicci”, rifugiandosi in ingenue illusioni.

È ora di finirla con le fiabe.

È giunto il momento per la società italiana di uscire dal torpore e guardare in faccia la realtà, diventando più saggi per intraprendere i passi che devono condurre al trattamento dell’individuo anomalo.

Andare verso un sistema integrato che riabiliti tali deficit comportamentali, significa approfondire la natura di questi disturbi e disorganizzazioni della personalità infantile, attuare una buona prevenzione e strutturare una cura degna di questo nome.

7 commenti


  1. Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function ereg() in /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/functions.php:279 Stack trace: #0 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/comments.php(35): sandbox_commenter_link() #1 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-includes/comment-template.php(1532): require('/home/mhd-01/ww...') #2 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/single.php(53): comments_template() #3 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-includes/template-loader.php(106): include('/home/mhd-01/ww...') #4 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-blog-header.php(19): require_once('/home/mhd-01/ww...') #5 /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/index.php(17): require('/home/mhd-01/ww...') #6 {main} thrown in /home/mhd-01/www.ri-vivere.it/htdocs/wp-content/themes/sandbox/functions.php on line 279